Seguici su

Salute

Quando cesserà l’emergenza Covid? Le previsioni degli esperti

Pubblicato

il

Coronavirus 2025

In Italia l’emergenza Covid è arrivata meno di un anno fa. Eppure, ha fatto già molti danni, sotto molti punti di vista. Tra questi la crisi economica, la ridotta libertà delle persone – si pensi solo al fatto che questo Natale non sarà come tutti gli altri – e, ovviamente, migliaia di morti. Ed è chiaro il motivo per cui tanta gente stia cercando un po’ di luce in fondo al tunnel. Ma quando potremo finalmente tornare alla nostra vita normale? A rispondere è Matteo Bassetti, esperto di malattie infettive dell’ospedale San Martino di Genova.

Quando finirà l’emergenza Covid?

Potremo stare tranquilli solo quando i casi scenderanno a mille al giorno, spiega Bassetti all’Adnkronos Salute – solo in quel momento le misure di sicurezza potranno essere allentate. Quello che è certo, continua Bassetti, è che non possiamo ripetere gli errori che abbiamo fatto in passato. «Dobbiamo tenere una condotta vigile, con un’attenta preoccupazione ma senza panico o paura. Se si scende sottosoglia, psicologica, dei 1000 casi al giorno si possono tornare a fare alcune attività senza però ‘sbracare’. Ecco, non commettiamo questo errore». Bassetti conclude ricordando che l’emergenza c’è ancora e non dobbiamo assolutamente abbassare la guardia.

Covid, l’emergenza cessa sotto i mille casi al giorno

Dello stesso avviso è l’epidemiologo Francesco Forastiere che ricorda all’Adnkronos Salute che non siamo fuori dall’emergenza anche se la curva epidemia sembra aver frenato la sua ascesa. È ragionevole pensare che, se il sistema dei tamponi e del contact tracing funziona, una soglia ragionevole per dire che siamo fuori pericolo è 1.000 casi al giorno. Solo una volta arrivati sotto questa cifra possiamo iniziare a considerare l’epidemia in discesa».

Quando finirà il coronavirus in Italia?

Date certe non se ne hanno, tuttavia, se tutto va bene a breve potremo avere a disposizione i primi vaccini anti-covid in Italia. Ed è proprio grazie a questi che, secondo il professor Franco Locatelli  – presidente del Consiglio superiore di sanità – abbiamo buone speranze per il 2021. In una recente intervista rilasciata a Il Fatto Quotidiano, infatti, ha dichiarato che c’è una possibilità che tutto possa tornare alla normalità  intorno a fine estate-autunno del 2021. Chiaramente tutto dipenderà anche dall’efficacia dei vaccini e dal numero di dosi disponibili. E poi, c’è il problema anziani: «bisognerà capire quanto dura l’immunità e quanto dura in base alle varie fasce d’età, perché non è escludibile una risposta meno buona e una memoria immunologica meno persistente nei più anziani», conclude Locatelli.

3 Commenti

3 Comments

  1. Graziella Guarnaccia

    9 Dicembre 2020 at 7:48 PM

    Ma che esagerazione! Ma facciamola finita adesso!

  2. Roberto Mariotti

    10 Dicembre 2020 at 10:13 AM

    Mille casi al giorno.
    Il che significa 950 asintomatici, una quarantina di paucisintomatici, 10/15 malati gravi e/o in terapia intensiva, tra i 2 e i 4 morti al giorno.
    E nel frattempo continuiamo ad avere 1800 morti al giorno per tutte le altre malattie, come tutti gli altri anni.
    Perfetto, tutto molto logico e sensato…
    Roba da matti!

  3. Emilio Biagini

    12 Dicembre 2020 at 11:54 AM

    Siccome le statistiche sono truccate in modo plateale, i burattini che ci malgovernano possono prolungare l’agonia piacimento, mentre le aziende falliscono, la gente muore in massa perché non curata, data l’ossessione Covid e l’Italia va a meretrici.

Lascia un commento

Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Trending