3 superfood per contrastare il caldo estivo

In periodi come questi in cui imperano stress e stile di vita scorretto, non si può far altro che affidarsi a qualche aiutino proveniente direttamente dal mondo della natura. Ecco che vengono in nostro soccorso alcuni superfood ovvero dei cibi che possiedono virtù straordinarie in grado di compensare parte dello squilibrio derivante da una dieta scorretta – e non solo. Di cibi incredibilmente salutari ne esistono davvero molti, alcuni provenienti dalla nostra penisola e altri dai paesi tropicali. Ma visto che siamo in estate non potevano non citare i migliori per la stagione calda: Maqui, Ulu e Rooibos.

Maqui, il «Mirtillo» del Sud America

Il Maqui è un arbusto che proviene dai territori incontaminati del Cile. A prima vista appare molto simile ai nostrani mirtilli – forse solo un po’ più grossi. Ma è in realtà una fonte ricchissima di sostanze antiossidanti. Eccellenti per contrastare l’eccesso di radicali liberi causati dall’esposizione solare continua. Una leggenda vuole che i più grandi consumatori di Maqui siano stati gli Indiani Mapuche che, grazie al consumo costante sono riusciti a non farsi mai sottomettere dai conquistatori. Il segreto era racchiuso nella forza dei frutti. Ed infatti oggi sappiamo che questi meravigliosi frutti sono in pole position per il test ORAC (Capacità di Assorbimento dei Radicali dell’Ossigeno) che determina la capacità antiossidante di un alimento. Solo per capire di cosa stiamo parlando possiamo dirvi che la tanto apprezzata uva rossa ha un valore di 1,620 ORAC mentre il Maqui arriva a 26,800.  Il suo estratto è ricco di polifenoli, vitamine A, vitamina C, potassio, calcio e ferro.

Come si usa il Maqui

Il Maqui si trova nel nostro paese sotto forma di bacche essiccate o in succo – anche liofilizzato da assumere insieme a un liquido o in capsule. Per contrastare il caldo, prevenire le rughe e svolgere attività antiossidante puoi assumere circa 50ml di succo puro o una-due capsule al giorno

Ulu, per un pieno di potassio

Ancor più straordinario è l’Ulu – il cosiddetto albero del pane (Artocarpus altilis). Il particolare nome deriverebbe dal sapore. Consumando i suoi frutti, infatti, pare di mangiare una fetta di pane appena sfornato. Si tratta di un albero che cresce nelle zone tropicali – soprattutto nei Caraibi e nelle Hawaii. Secondo il National Tropical Botanical Garden, i frutti che derivano dall’albero del pane sono i migliori candidati per ridurre la fame nel mondo. Si tratta di piante che crescono con estrema facilità e sono anche molto produttivi, sfornando frutti da ben 3Kg l’uno. Inoltre, i suoi prodotti sono estremamente nutrienti: un solo frutto fornisce la stessa porzione di carboidrati che occorre a una famiglia di 5 persone. Mentre in l’estate è essenziale per contrastare gli effetti dannosi del caldo grazie alla sua ricchezza in potassio: ne contiene 10 volte più delle banane. Nel nostro paese non è semplice da trovare e, nel caso, si trova solo sotto forma di farina: eccellente per la preparazione di dolci.

Meno stress, più Rooibos

Infine, non potevano dimenticare il famoso Rooibos che molti di voi sicuramente già conoscono. Si tratta di un tè di colore rosso vivo, ricchissimo di una delle più famose sostanze antitumorali: la quercitina. Il suo infuso è adatto anche ai bambini perché non contiene teina. È un eccellente rimedio per contrastare il caldo estivo e ridurre l’eccesso di radicali liberi. È di facile reperibilità in erboristeria o negozi di alimenti biologici: si trova in bustine o in foglie triturate in taglio tisana. Se ne consumano due o tre tazze al giorno, alla stregua del classico tè.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *