Caffè e tè mate, ti fanno perdere peso e riducono il colesterolo. I risultati di un nuovo studio

Buone notizie per gli amanti del caffè: questa antichissima bevanda, grazie alla presenza di caffeina, sembra essere in grado di compensare gli effetti negativi di una dieta errata riducendo l’accumulo di grasso nelle cellule adipose. Ma i benefici non finiscono qua: può limitare anche la produzione di trigliceridi e l’aumento di peso. Eccellenti effetti si ottengono anche consumando il tè mate. Ecco i risultati di un recente studio scientifico condotto dagli scienziati dell’Università dell’Illinois.

Caffeina e perdita di peso

Durante lo studio, condotto su modello animale, si è potuto evidenziare come i topolini che consumavano la caffeina estratta dal tè mate hanno perso il 16% del loro peso corporeo e ridotto del 22% l’accumulo di grasso corporeo rispetto ai ratti che consumavano tè decaffeinato. Effetti simili si ottenevano con la caffeina sintetica estratta dal caffè.

Caffeina del tè mate e del caffè

Il tè mate è una bevanda stimolante utilizzata soprattutto in America Latina sudorientale. Particolarmente ricca di flavonoidi e amminoacidi, contiene dai 65 ai 130 milligrammi di caffeina a porzione. Il caffè, invece, contiene dai 30 ai 300 milligrammi per tazzina.  Durante lo studio, i topolini che avevano seguito una dieta ad alto contenuto di grassi (40%), carboidrati (45%) e proteine (15%) hanno anche ingerito una dose di caffeina simile a quattro tazzine al giorno di caffè. Dopo quattro settimane, la percentuale di massa magra nei topolini che avevano assunto tè mate, caffè o caffeina sintetica era cambiata vistosamente. Nei ratti, l’accumulo di lipidi negli adipociti è stato significativamente associato a un maggiore aumento di peso corporeo e ad un aumento del grasso corporeo, secondo lo studio. I risultati, quindi, si aggiungono al crescente corpo di ricerca che suggerisce che il tè mate possa aiutare a combattere l’obesità.

Caffè e tè mate per combattere l’obesità

«Considerando gli effetti ottenuti, il tè mate e la caffeina possono essere considerati agenti anti-obesità. I risultati di questa ricerca potrebbero essere adattati agli esseri umani per comprendere i ruoli del tè mate e della caffeina come potenziali strategie per prevenire il sovrappeso e l’obesità, così come i conseguenti disordini metabolici associati a queste condizioni», ha dichiarato Elvira Gonzalez de Mejia, coautrice dello studio e direttrice della divisione di scienze nutrizionali presso l’Università dell’Illinois.

Cosa accade alle cellule adipose in presenza di caffeina

Per determinare il meccanismo d’azione, gli scienziati hanno condotto studi su colture cellulari in cui hanno esposto le cellule adipose dei topi alla caffeina sintetica o agli estratti di caffeina o mate. Hanno scoperto che, indipendentemente dalla sua fonte, la caffeina riduceva l’accumulo di lipidi nelle cellule adipose del 20% -41%. Gli scienziati hanno anche monitorato l’espressione di diversi geni associati all’obesità e al metabolismo dei lipidi. Questi includevano il gene della sintasi dell’acido grasso (Fasn), un composto enzimatico coinvolto nella sintesi degli acidi grassi dal glucosio; e il gene della lipoproteina lipasi (Lpl), che codifica per un enzima che scompone i trigliceridi.

Caffeina contro colesterolo e obesità

Dai risultati dello studio è emerso che tutti i trattamenti con caffeina, indipendentemente dall’origine, hanno ridotto significativamente l’espressione di Fasn e Lpl. Nelle colture cellulari, l’espressione di Fasn è diminuita del 31% -39%, mentre l’espressione di Lpl è diminuita del 51% -69% tra le cellule trattate con caffeina sintetica o caffeina da tè o caffè mate. I ricercatori hanno scoperto che nei ratti che hanno consumato la caffeina del tè mate, l’espressione di Fasn è diminuita del 39% nel tessuto adiposo e del 37% nel fegato. La diminuzione dell’espressione di Fasn e di altri due geni nel fegato ha evocato anche una minore produzione di colesterolo lipoproteico a bassa densità e trigliceridi nel fegato. «Il consumo di caffeina dal mate o da altre fonti ha alleviato l’impatto negativo di una dieta ricca di grassi e ricca di saccarosio sulla composizione corporea a causa della modulazione di alcuni enzimi lipogenici sia nel tessuto adiposo che nel fegato. La ridotta espressione di Fasn e Lpl ha determinato una minore sintesi e accumulo di trigliceridi nel tessuto adiposo», conclude de Mejia.

Lo studio è stato pubblicato sul Journal of Functional Foods.

Fonti scientifiche

Fatima J. Zapata, Miguel Rebollo-Hernanz, Jan E. Novakofski, Manabu T. Nakamura, Elvira Gonzalez de Mejia. Caffeine, but not other phytochemicals, in mate tea (Ilex paraguariensis St. Hilaire) attenuates high-fat-high-sucrose-diet-driven lipogenesis and body fat accumulationJournal of Functional Foods, 2019; 103646 DOI: 10.1016/j.jff.2019.103646

Caffeine may offset some health risks of diets high in fat, sugar. Illinois EDU

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *