Fai fatica ad alzarti dal letto tutte le mattine? 5 consigli per una partenza scattante

Chi di voi ama il suono della sveglia? Alzi la mano chi non ha mai pensato, almeno una volta nella vita, a buttarla fuori dalla finestra. Eppure, tutti siamo costretti ad alzarci a ore prestabilite e, in linea di massima, nel momento in cui avremmo voluto dormire ancora un po’. E quanto è faticoso dover trovare la forza di mettere i piedi giù dal letto. E se da un lato, nessuno potrà mai cambiare la routine mattutina, è anche vero che ci sono alcuni metodi per svegliarsi in maniera un po’ meno traumatica. Ecco quali sono.

Svegliati con calma

La prima cosa che devi fare è quello di svegliarti con calma. Quindi, se devi alzarti dal letto alle 6.30, non mettere la sveglia alle 6.25. E, soprattutto, non posporre continuamente la sveglia. Deve suonare una volta sola e non 100. Ogni volta che richiudi gli occhi il tuo corpo cercherà di ri-addormentarsi aumentando (non di poco) l’agonia. Perciò, la prima cosa che devi fare è quella di mettere una sveglia anticipata almeno di 15-20 minuti. Ti sembrano tanti? In realtà sono pochissimi e toglierli non ti danneggerà in termini di benessere. Ma ti permetteranno di stare nel letto (con occhi aperti e luce accesa) per svegliarti bene. In pratica: quando ti alzerai, non sembrerai più uno zombie.

Metti una sveglia intelligente

La seconda cosa da fare è quella di munirsi di una sveglia intelligente. Una, per esempio, è quella creata da Amazon: il dispositivo vocale che può fare (quasi) qualsiasi cosa. Anche svegliarti al mattino come più ti piace. In realtà in commercio esistono molti altri dispositivi simili, hai solo l’imbarazzo della scelta. Per farti capire come funzionano, possiamo dirti che la sera prima puoi dire ad Alexa come svegliarti. Per esempio: «Alexa, svegliami alle 7.00 con una canzone di Tiziano Ferro». E, nello stesso tempo, puoi dirle di attivare i dispositivi di casa intelligente per svegliarti al mattino con un’alba artificiale. Alexa può connettersi, per esempio, a un dispositivo con tecnologia Zigibee e accenderti le luci della stanza, piano piano come se ci fosse un’alba. Questo ti consente di svegliarti lentamente senza doverti alzare immediatamente dal letto e in maniera assolutamente poco traumatica. Potresti, per esempio, far accendere piano piano le luci della camera e farle arrivare a regime poco prima che suoni la sveglia.

Fai una doccia

Prima di fare colazione, mettiti sotto la doccia. Possibilmente con l’acqua tiepida e non fredda. Ti aiuterà a svegliarti prima e – paradossalmente – a fare più veloce. Se ci mettiamo a lavare un pezzo del corpo alla volta, impieghiamo sicuramente più tempo. Meglio una bella doccia fresca e subito dopo, la colazione. Amerai anche di più il cibo che stai mangiando perché sarai più sveglio.

Respira bene

Che sia inverno o estate, per star bene o avere lucidità mentale, devi prendere un po’ di aria. All’interno della casa l’aria è viziata e di certo non ti aiuterà a svegliarti bene. Apri la finestra anche solo pochi minuti per rigenerarti. Se è estate puoi anche stare alcuni minuti fuori, in giardino o sul balcone.

Riattiva i muscoli

Al risveglio i muscoli dovrebbero essere rilassati ma spesso dormiamo in posizioni tali da sentirci tutti acciaccati al mattino. Prima di fare colazione dedica, quindi, 3-5 minuti esatti (3 minuti li troverai sicuramente) per fare qualche esercizio di stretching. Comincia con la parte alta del corpo e poi con le gambe. Ricordati che la respirazione deve essere nasale, profonda, e deve seguire il movimento. Bastano dieci secondi di esercizio per ogni muscolo, et voilà! Vi sentirete pronti e scattanti per una nuova giornata. Provare per credere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *