La vita è un’illusione. 7 regole «zen» che cambieranno la tua vita per sempre

Chi di noi può dichiararsi realmente felice? Forse abbiamo dei momenti in cui sentiamo di esserlo, ma dentro ognuno di noi c’è sempre un vuoto incolmabile. Vuoto che avvertiamo solo nei momenti in cui ci fermiamo. Siamo sempre pieni di doveri, di responsabilità, di cose da fare. Ed è così che la nostra mente vaga continuamente producendo vortici infiniti di pensieri. Eppure, è sufficiente un solo minuto di silenzio, di ascolto interiore, per comprendere una sensazione quasi indescrivibile: siamo prigionieri di una gabbia senza sbarre e il problema non è fuori, ma dentro di noi. Ora, la domanda che tutti dovremmo porci è: cos’è che non ci permette di trovare quella serenità a cui tutti aneliamo? Le risposte potreste trovarle in alcune regole zen. Ecco quali sono

La vita di una persona può cambiare in un attimo

L’autore Lachlan Brown di HackSpirit ha raccontato che per anni ha faticato a trovare la pace dentro sé. Anche lui, come la maggior parte di noi, alternava periodi di paure e ansie. Ma grazie alla conoscenza di alcune regole del maestro buddhista giapponese Miyamoto Mushashi, la sua vita è enormemente cambiata. Ve ne riportiamo alcune che potrebbero aiutare anche voi, esattamente come è accaduto a Brown.

La vita è un’illusione

Non solo il buddismo, ma tutte le culture antiche hanno riportato questa affascinante teoria: la vita è un’illusione. E se pensate che tutto ciò non sia vero, vi sbagliate di grosso. Sembra che a questa conclusione, infatti, ci stiano arrivando anche alcuni scienziati. In particolare, un team di ricerca australiano che ha voluto approfondire una tipica affermazione della meccanica quantistica: «L’universo non esiste se smettiamo di guardarlo». Attraverso un nuovo esperimento si è potuto dimostrare che tutto ciò è proprio vero. Il team di ricerca dell’Australian National University ha condotto un noto esperimento mentale di scelta ritardata, ideato da John Wheeler. Durante lo studio, a un oggetto in movimento viene data la possibilità di agire come una particella o un’onda. Ma i ricercatori hanno scoperto che il risultato dipende solo dall’osservatore e da come questo oggetto venga effettivamente misurato al termine o nel mezzo del suo viaggio. «Ciò dimostra che la misurazione è tutto. A livello quantistico, la realtà non esiste se non la osservate», spiega il professor Andrew Truscott. «Se si sceglie di credere che l’atomo abbia attraversato un particolare percorso (o percorsi) si deve accettare il fatto che una misura futura possa cambiare il passato dell’atomo. Gli atomi non viaggiano da A a B. E’ solo quando vengono misurati al termine del loro percorso che l’esistenza del comportamento ondulatorio o particellare viene determinata». Ciò significa una cosa sola: che niente è scritto, ma che tutto – compresa la nostra vita – è totalmente plasmabile. E il motivo è uno solo: la vita è davvero un’illusione. Quindi, perché affannarsi tanto? Meglio spogliarsi dei vecchi concetti e apprezzare la leggerezza che si avverte quando si capisce che, in fondo, è tutto un gioco. Forse se impareremo a vedere le cose come sono davvero, niente per noi sarà più un problema.

Smetti di lamentarti e comincia a vivere

Probabilmente se ti stai lamentando significa che la vita non è quella che hai sempre sognato. Va bene, forse non è il momento di massima felicità. Ma ricorda che per arrivare a una meta, il viaggio a volte potrebbe essere molto lungo. Si possono trovare ostacoli, impedimenti e rallentamenti, ma se si conosce la destinazione prima o poi si arriva. Quindi, non perdere di vista il tuo obiettivo e, soprattutto, non fermarti. Corri verso i tuoi sogni, non aspettare che siano loro ad arrivare da te. Più stari fermo, più tarderai ad arrivare. Forse ogni tanto sbaglierai strada o sarai stanco e sarai costretto a fermarti, ma poi riparti immediatamente: se ti muovi e agisci, l’universo ti prenderà per mano fino alla meta.

Gli ostacoli ci aiutano a vivere meglio

Ci lamentiamo tutti del fatto che la nostra vita è sempre terribilmente noiosa. Probabilmente, da anni, vi accadono sempre le stesse cose e la vostra routine giornaliera è rimasta pressoché invariata. Ma se qualcosa cambia cominciamo a entrare in uno stato di panico: non lo avevamo previsto, non era quello che volevamo. Ma l’universo possiede senz’altro un’intelligenza superiore alla nostra e se ci si è presentato un ostacolo, è certo che questo abbia una sua utilità. Anzi, è molto probabile che sia la chiave per entrare nel posto in cui saranno realizzati i nostri sogni. Quindi, al posto di arrabbiarci, reagire male, opporsi a ciò che sta accadendo e avere uno sguardo razionale, pensiamo che tutto ciò sta avvenendo per noi. Noi, in qualche modo, abbiamo creato quella situazione e l’universo ci ha dato una splendida opportunità. Non sprechiamola ma, al contrario, facciamoci guidare. Ricordate: chi conosce le regole di questo mondo sa come trasformare il veleno in medicina.

Smetti di pensare a te stesso o sarai infelice

Fin dal primo momento in cui veniamo al mondo sviluppiamo il senso dell’io. Non riusciamo a renderci conto che siamo solo tante gocce di un immenso oceano e, così, ci sentiamo soli e persi. Ogni volta che tu pensi troppo a te stesso e ai tuoi problemi, amplifichi l’ego e, di conseguenza, le tue insicurezze. Come potresti superarlo se infine, nient’altro sei, che un minuscolo pezzo di un immenso mosaico? Il segreto, quindi, è concertarsi sul tutto per disperdere ogni timore verso noi stessi. E, per farlo, si inizia dalle piccole cose come aiutare gli altri. «Se vuoi la felicità per un’ora, fai un sonnellino. Se vuoi la felicità per un giorno, vai a pescare. Se vuoi la felicità per un anno, eredita una fortuna. Se vuoi la felicità per tutta la vita, aiuta qualcuno».

Trasforma i veleni

Senza che ce ne rendiamo conto, tutti noi siamo pervasi da veleni che coinvolgono anche tutte le persone che ci vivono accanto. L’uomo, in particolare, è pervaso da tre tipi di veleni che fungono come una vera e propria fonte di inquinamento dell’animo umano. Questi sono il desiderio, la collera e l’ignoranza. Per essere davvero libero, quindi, non devi cercare un luogo lontano ma un posto dentro te che sia in grado di trasformare il desiderio in compassione, la collera in forza vitale e l’ignoranza in saggezza.

Elimina qualsiasi attaccamento

L’attaccamento è una forma di dipendenza che l’essere umano ha sempre e su ogni cosa. Se pensate di non essere attaccati a niente, pensate a cosa potrebbe accadere se improvvisamente qualcuno cambiasse la vostra vita da un momento all’altro. Basterebbe una sola cosa diversa per mettervi in crisi: cambiare casa, vivere con una persona diversa, sconvolgere i vostri ritmi quotidiani, o più semplicemente: togliervi cellulare, auto e tv per un giorno. Tutti questi attaccamenti provocano infelicità, a volte ancor prima che voi possediate un oggetto. La paura di non avere più qualcosa che avete già, fossero anche le persone che si amano, ci portano a uno stato costante di ansia. Se invece non si è legati in maniera eccessiva a niente e nessuno si entra in uno stato di beatitudine interiore. Niente aspettative, niente desideri: solo tu e le emozioni del momento. Questa è vita, tutto il resto è mente.

Liberati delle cose inutili

Entra in casa tua e guardati intorno: probabilmente anche se non sei una persona ricca possiedi centinaia di oggetti. Ma è quasi certo che quotidianamente non ne utilizzi neppure la metà. Forse la maggior parte di ciò che tieni in casa la usi meno di una volta ogni tre mesi. Alcuni di questi oggetti sono esposti alla polvere ogni giorno, mentre altri sono chiusi dentro un cassetto da anni e non sarebbe strano se non ti ricordassi della loro esistenza. Tutto ciò non fa altro che appesantire la tua vita e non lascia spazio all’universo per far entrare belle novità. Quindi, se vuoi che nella tua vita sia piena di cambiamenti (positivi), comincia con l’eliminare il superfluo. Tutto il resto del tempo, passalo a giocare. Ricorda: la vita è un’illusione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *