Crampi muscolari? Bere l’acqua potrebbe peggiorare la situazione. Ecco perchè

Sono molte le persone a credere che bere più acqua quando si soffre di crampi muscolari possa essere una valida soluzione. Ma le ultime ricerche scientifiche sembrano smentire tale ipotesi. Un team di ricerca della Edith Cowan University (ECU) ha infatti valutato gli effetti dell’acqua sui soggetti affetti da crampi muscolari e ha scoperto che se non è addizionata con alcune sostanze potrebbe peggiorare la situazione. Ecco perché.

Crampi muscolari e acqua   

I crampi muscolari sono una condizione dolorosa comune che colpisce molte persone di ogni sesso ed età. I più colpiti, tuttavia, sono i ciclisti (circa il 60% dei casi), i giocatori di rugby (52%) e i maratoneti (39%). Essendo un problema che si manifesta maggiormente nei mesi estivi, molti ritengono che alla base del problema ci sia la disidratazione, pertanto aumentano l’assunzione di acqua. Così facendo, però, non fanno che peggiorare la situazione. «Abbiamo scoperto che le persone che bevono solo acqua naturale prima e dopo l’esercizio potrebbero in effetti renderle più inclini ai crampi», ha spiegato il professor Ken Nosaka, della School of Medical and Health Sciences di ECU. «Questo è probabile perché l’acqua pura diluisce la concentrazione di elettroliti nel nostro corpo e non sostituisce ciò che si perde durante la sudorazione».

Rimedi per i crampi muscolari

Durante lo studio, pubblicato sul Journal of the International Society of Sports Nutrition, gli scienziati hanno scoperto che bevendo acqua potenziata con elettroliti durante o dopo l’esercizio fisico erano meno inclini ai crampi muscolari rispetto a coloro che bevevano solo acqua. Il rimedio può essere utile anche alle persone che non fanno sport ma soffrono di crampi muscolari. Nosaka ritiene che sia la mancanza di elettroliti a causare crampi muscolari, non la disidratazione. «Molte persone pensano che la disidratazione provochi crampi muscolari e bevono acqua pura durante l’esercizio per prevenire i crampi», ma il metodo sembra non funzionare affatto.

Crampi muscolari e disidratazione. Lo studio

Il professor Nosaka soffriva da tempo di crampi muscolari, probabilmente a causa del fatto che giocava molto frequentemente a tennis. Per tale motivo ha deciso di avviare uno studio sulla comprensione della causa dei crampi muscolari. A tale scopo sono stati arruolati di 10 volontari di sesso maschile a cui è stato chiesto di correre per 40-60 minuti su un un tapis roulant in discesa in una stanza piuttosto calda (35 gradi). Questo permetteva loro di perdere fino al 2% di peso corporeo attraverso la sudorazione. Per indurre crampi muscolari è stata anche effettuata una stimolazione elettrica a livello dei polpacci. Più era bassa la frequenza utilizzata, più elevati erano i crampi muscolari. È stato poi chiesto loro di bere solo acqua naturale durante l’esercizio fisico, oppure di ber acqua con elettroliti. «Abbiamo scoperto che la frequenza elettrica necessaria per indurre i crampi aumentava quando le persone bevevano l’acqua elettrolitica, ma diminuiva quando consumavano acqua naturale», spiega Nosaka. «Questo indica che i muscoli diventano più inclini ai crampi bevendo acqua naturale, ma più immuni ai crampi muscolari bevendo l’acqua elettrolitica».

Crampi muscolari, quale acqua bisogna bere?

Gli elettroliti sono rappresentati da diversi minerali, tra cui il sodio, il potassio, il magnesio e il cloruro. Sono essenziali per la salute dei muscoli e aiutano il corpo ad assorbire l’acqua. Le soluzioni di reidratazione orale contengono elettroliti in proporzioni specifiche e possono essere preparate con acqua, sale e zucchero. Si tratta di prodotti facilmente reperibili nei supermercati e nelle farmacie. In più, gli elettroliti apportano notevoli benefici per la salute delle persone. «Gli elettroliti sono vitali per una buona salute – aiutano il corpo ad assorbire l’acqua in modo più efficace rispetto alla normale acqua e sostituiscono i minerali essenziali persi attraverso il sudore o la malattia. Le persone dovrebbero prendere in considerazione la possibilità di bere liquidi per la reidratazione orale invece di acqua normale durante l’esercizio da moderato a intenso, quando fa molto caldo o quando si è ammalati di diarrea o vomito». Il professor Nosaka ha intenzione di proseguire le sue ricerche al fine di comprendere la quantità ottimale di elettroliti per anziani e donne incinta che sono inclini ai crampi muscolari.

Fonti scientifiche

Muscle cramp? Drink electrolytes, not water – ECU’s School of Medical and Health Sciences

Wing Yin Lau, Haruyasu Kato, Kazunori Nosaka. Effect of oral rehydration solution versus spring water intake during exercise in the heat on muscle cramp susceptibility of young menJournal of the International Society of Sports Nutrition, 2021; 18 (1) DOI: 10.1186/s12970-021-00414-8

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *