Acido urico alto, tutti i rimedi naturali vagliati dalla scienza

Tra gli over 60 l’aumento di acido urico è un problema piuttosto comune e spesso si presenta in concomitanza con la sindrome metabolica o disturbi cardiovascolari. Chiaramente se si tratta di una condizione seria è d’obbligo rivolgersi al medico curante che saprà fornire la giusta cura in base alle esigenze del singolo paziente. Al contrario ci si può orientare verso alcuni rimedi fitoterapici per migliorare il problema. Ricordiamo, tuttavia, che anche i prodotti naturali possono causare effetti collaterali quindi è sempre meglio richiedere la supervisione del proprio medico curante.

Limone: riduce acido urico e il rischio di calcoli renali

Un rimedio naturale piuttosto comune ma degno di nota – e forse uno dei più semplici da usare – è il limone. Uno studio condotto nel 2008 ha voluto valutare una possibile alternativa all’utilizzo del citrato di potassio nel trattamento dei calcoli calcio urinari nei pazienti con ipocitraturia. Ad alcuni pazienti è quindi stato somministrato il succo di limone nella dose di 85cc, mentre altri hanno assunto una dose normale di citrato di potassio. Tutti hanno eseguito il test delle urine nelle 24 ore e 3 mesi più tardi, a termine trattamento. Dai risultati è emerso che «il succo di limone può essere un’alternativa nel trattamento della calcolosi urinarie di calcio nei pazienti con ipocitraturia». Inoltre, si è potuta notare «una significativa diminuzione dei livelli urinari di acido urico in tutti i gruppi».

Betulla, antifiammatoria e diuretica

La betulla bianca (betula alba) è uno dei rimedi più importanti per le persone che sono affette da uricemia alta. Si possono utilizzare diversi preparati ma il migliore è la linfa di betulla che contiene alcuni eterosidi dalla spiccata azione antinfiammatorie e diuretica. Secondo alcuni studi la sua assunzione regolare per due o tre mesi lo riduce di circa il 25-30%. Il lato positivo è che scongiura anche il rischio di calcoli renali, disturbi articolari e malattie cardiovascolari.

Altri usi della betulla
La linfa di betulla, come abbiamo detto, è la scelta di elezione, tuttavia va detto che il suo prezzo è abbastanza elevato. Si può quindi optare per una formulazione più semplice come l’infuso di foglie aggiungendo circa 5 grammi di droga in 100ml di acqua.

  • Tisana diuretica di Van Hellemont
  • 50 gr di foglie di betulla
  • 1 litro di acqua bollente
  • 1 grammo di bicarbonato di sodio

Lasciare alcuni minuti in infusione le foglie di betulla, quando saranno intiepidite aggiungere il bicarbonato di sodio. Lasciar riposare circa sei ore, quindi filtrare e bere durante il giorno.

Frassino per ridurre l’acido urico

Il Frassino, in particolare la sua corteccia, contiene alcune cumarine come il fraxsoide dalle note virtù uricolitiche, è un ottimo diuretico e antinfiammatorio particolarmente sfruttato nei soggetti affetti da artrosi, artralgie, obesità e idropisia insieme ad altre piante. I Flavonoidi contenuti nel frassino afiscono influenzando i complessi enzimatici associati al trasporto del sodio e dell’acido urico. Una curiosità: un tempo i semi di frassino associati al vino venivano utilizzati per combattere l’idropisia.

  • Tisana diuretica e antinfiammatoria di Lecrec
  • 50 gr di foglie di frassino
  • 50 gr di foglie di ribes nero
  • 25 gr di spirea ulmaria
  • Miscelare tutte le erbe e preparare un infuso con un cucchiaio di droga per ogni tazza di acqua bollente.

Fonti scientifiche

[1] Arzneimittelforschung. 1995 Feb;45(2):169-71. A combination of Populus tremula, Solidago virgaurea and Fraxinus excelsior as an anti-inflammatory and antirheumatic drug. A short review. von Kruedener S1, Schneider W, Elstner EF.

[2] Piergiorio Chiereghin – Fitoterapia per il farmacista

[3] Decotti e tisane – Costanza Giunti, Tecniche Nuove

[4] Enrica Campanini – Dizionario di fitoterapia e piante medicinali

[5] Urol Res. 2008 Dec;36(6):313-7. doi: 10.1007/s00240-008-0152-6. Epub 2008 Oct 23. Can lemon juice be an alternative to potassium citrate in the treatment of urinary calcium stones in patients with hypocitraturia? A prospective randomized study. Aras B1, Kalfazade N, Tuğcu V, Kemahli E, Ozbay B, Polat H, Taşçi AI.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *