Eritema solare: i rimedi naturali

Sole, mare, caldo: la bella stagione per noi equivale a divertimento, relax e vacanze. Ma a volte si può incappare in piccoli inconvenienti causati dal calore eccessivo, che non vanno sottovalutati. Uno di questi è l’eritema solare. Ma sconfiggerlo si può: anche con i rimedi naturali. Ecco come.

Cos’è l’eritema solare

Si tratta di una reazione di tipo infiammatorio che si sviluppa con molta frequenza in seguito a un’esposizione prolungata al sole. È molto più comune nelle persone che vivono in città e che durante il resto dell’anno non si espongono la pelle ai raggi solari.

I sintomi dell’eritema solare

A seconda dello stadio, l’eritema solare può manifestarsi in maniera più o meno intensa. In genere la pelle appare arrossata, con leggere papule rigonfie. Si evidenzia anche secchezza della pelle, lieve bruciore e prurito. Spesso è accompagnato da intensa sudorazione e scottature scolari. In quest’ultimo caso può essere presente anche febbre e senso di malessere.

Prevenire l’eritema solare a tavola

Se si è a rischio eritema solare, si può prevenirne la formazione scegliendo un’alimentazione ricca di antiossidanti. In particolare beta-carotene, vitamina C, E, e zinco.
Ottimo, allo scopo, l’avocado. Ma anche agrumi, pomodori, pesche, albicocche, noci, carote e vegetali a foglia verde. D’altro canto anche una buona idratazione può ridurre notevolmente il rischio. È, importante, quindi, bere acqua ricca di minerali e centrifugati di frutta e verdura.

Gli oli idratanti per l’eritema

Tra i migliori oli idratanti, che aiutano a lenire bruciore e secchezza, ci sono quello di cocco e nocciola. Si tratta di due prodotti altamente nutrienti che aiutano a ridurre i sintomi apportando una sensazione di freschezza immediata alla pelle. L’ideale è miscelarli insieme e applicarli attraverso un leggero massaggio, più volte al giorno. La parte che non viene assorbita completamente neppure dopo il massaggio, può essere rimossa molto delicatamente con un fazzolettino morbido. Meglio se tamponando la pelle a poco a poco.

Oli essenziali per l’eritema solare

Per migliorare l’effetto degli oli vegetali è possibile aggiungere poche goccia di olio essenziale di lavanda, di camomilla e di sandalo dalle spiccate virtù antiinfiammatorie. Trattandosi, però, di prodotti molto concentrati è essenziale prima testarne la reazione individuale sulla pelle del gomito. Non aggiungere più di 25 gocce in 50ml di olio vegetale. Agitare bene il contenitore prima dell’uso.

L’effetto protettivo dei burri

Per proteggere ulteriormente la pelle dal calore, si può anche applicare nelle zone colpite una piccola quantità di burro di karité: forma una sorta di pellicola protettiva che riduce il rischio di recidive. Va tuttavia sottolineato che se si tratta di un eritema molto evidente, la zona andrebbe completamente coperta con un indumento. E, quindi, non esposta né al calore né al sole.

Come preparare l’olio di iperico per le ustioni

Se nella zona dell’eritema vi è anche un’evidente scottatura solare, si possono miscelare insieme 25 ml di olio di iperico, 25 ml di olio di calendula e 30 gocce di olio essenziale di lavanda. Il prodotto va applicato più volte al giorno tramite massaggio fino a completo assorbimento.

Il rimedio della nonna: l’amido contro l’eritema solare

L’amido di riso è forse uno dei rimedi più antichi della storia. Svolge un effetto lenitivo pressoché immediato eliminando bruciore, ipersensibilità cutanea e prurito. Unico neo: per funzionare al meglio deve essere sciolto nell’acqua. Di conseguenze è consigliabile aggiungerlo nella vasca da bagno, in acqua tiepido-fredda.

Aloe vera per l’eritema solare

Il gel di aloe vera – se appena estratto da una foglia – può essere applicato direttamente nella zona colpita per ridurre bruciore, secchezza e prurito. Per farlo si estrae la foglia dalla pianta, si apre con un coltello incidendola dai lati e si passa direttamente il gel che fuoriesce. Il prodotto aiuta anche a rigenerare più velocemente la pelle. Meglio se abbinata a olio essenziale di lavanda.

Infine, ricordiamo che se i sintomi sono di una certa entità è d’obbligo rivolgersi al proprio medico curante: in questo caso i rimedi naturali – soprattutto quello casalinghi – non sono sufficienti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *