Colonscopia addio, arriva una diagnosi veloce e non invasiva

Rappresenta una vera rivoluzione in campo oncologico quella messa a punto dal gruppo Diatech, in collaborazione con l’IRST (Istituto Scientifico Romagnolo per lo Studio e la Cura dei Tumori). Stiamo parlando di un nuovissimo test di laboratorio per la diagnosi precoce del tumore del colon-retto che, probabilmente, metterà in cantina la vecchia colonscopia. L’annuncio è stato dato durante una conferenza stampa nella sede di Meldola dell’Irst. L’innovativo kit prende il nome di «EasyPGX® ready FL-DNA», ed è in grado di identificare lesioni preneoplastiche e neoplastiche del colon retto (CRC).

Diagnosi del cancro al colon, addio colonscopia

Quanti di voi sono disposti a fare la colonscopia come test di screening allo scopo di valutare eventuali masse tumorali allo stadio precoce? Probabilmente pochi perché si tratta di un esame altamente invasivo e decisamente poco piacevole. Da ora in poi, però, tutte queste persone potranno affidarsi a un test decisamente più sicuro e innovativo. EasyPGX, infatti, consente di valutare – con una precisione nettamente superiore al sangue occulto nelle feci – il tipo di DNA che proviene dalle cellule di esfoliazione della mucosa del colon. Lo strumento, oltre a non essere invasivo come la colonscopia è anche decisamente più economico perché costa meno di un terzo del prezzo (circa 40 euro contro i 150 della colonscopia).

Una collaborazione ideale

Se molti pazienti avranno finalmente a disposizione metodi non invasivi per la diagnosi di patologie così gravi, lo si deve soprattutto alla collaborazione di due importati realtà: il Gruppo Diatech leader in Italia nel settore della farmacogenetica e farmacogenomica e l’Istituto Scientifico Romagnolo per lo Studio e la cura dei Tumori (IRST) IRCCS di Meldola (FC), uno dei principali Centri per la Ricerca Scientifica e Tecnologica in Italia. «Lanciare un prodotto così innovativo, frutto di una partnership iniziata già dal 2006 – dichiara Mattia Altini, Direttore sanitario IRST – rappresenta in modo paradigmatico come il futuro del Servizio Sanitario Nazionale e Regionale dipenda sempre più dalla capacità delle aziende sanitarie di selezionare partner di mercato in grado di valorizzare il know how dei propri professionisti e della ricerca svolta. E’ in questo modo che le intuizioni scientifiche possono esser messe a «valore» per tutto il sistema: siamo certi che quanto raggiungeremo con Diatech potrà «generare» risorse da reinvestire in ricerca e assistenza. È proprio questo l’obiettivo degli Uffici per il Trasferimento Tecnologico e Grant Office che lo stesso Ministero della Salute sta promuovendo e che, già da anni, fa parte della strategia di sviluppo del nostro Istituto».

Addio colonscopia: come funziona la nuova diagnosi del cancro del colon retto

L’esito del test viene effettuato grazie alle informazioni ottenute dall’esame del sangue occulto fecale (FOBT). Attraverso questo si potranno rilevare i pazienti che hanno maggiori probabilità di avere una lesione pre-neoplastica o neoplastica del colon. «La ricerca del sangue occulto nelle feci (FOBT), il test utilizzato per la diagnosi precoce del tumore del colon-retto nei programmi di screening presenta una bassa specificità, dimostrata dai frequenti risultati falsamente positivi in caso di sanguinamento dovuto a ulcere, diverticolosi, malattia infiammatoria intestinale ed emorroidi. Questo determina il ricorso a successive indagini endoscopiche invasive e costose. Alcuni studi condotti dai ricercatori del nostro Istituto hanno dimostrato, invece, che la quantità dei frammenti di DNA di lunghe dimensioni nelle feci è significativamente più elevata nei pazienti con tumore del colon-retto rispetto ai pazienti con lesioni pre-cancerose e agli individui sani», spiega Daniele Calistri, Responsabile U.O. Diagnostica molecolare avanzata e predittiva. La brutta notizia è che il test sarà presto disponibile per il mercato estero mentre l’Italia è ancora in attesa di un partner.

Colonscopia
Colonscopia

Mai più colonscopia, arriva un test sicuro e innovativo

«Si tratta di un test biologico e non chimico particolarmente innovativo basato su una specifica metodica di analisi del DNA fecale. Mentre il sangue occulto ci fornisce un’informazione puntuale su un aspetto, ovvero la perdita microscopica di sangue associata alle forme anche abbastanza precoci ma non precocissime del carcinoma del colon retto, il test da noi sviluppato e brevettato ci permette di ottenere informazioni molto più approfondite. Oltre a migliorare la diagnostica del FOBT, quindi, potremo individuare la tipologia dell’alterazione del DNA e informazioni quali-quantitative sui livelli di rischio evolutivo sia di lesioni precancerose sia della stessa storia naturale del tumore individuato. Inoltre, il test può anche essere utilizzato nel monitoraggio dei soggetti già operati per tumore del colon che, come noto, sono esposti al rischio di successive recidive loco-regionali. Queste sono le applicazioni cliniche più interessanti, le quali richiedono però che il materiale fecale sia raccolto e conservato nelle migliori condizioni. Si potrebbero anche intravedere futuri sviluppi di utilizzo del test per monitorare, ad esempio, gli effetti terapeutici di trattamenti in soggetti con persistenza del tumore primitivo, ma questo aspetto richiederà ulteriori approfondimenti», cocnlude il prof. Dino Amadori, Direttore scientifico emerito dell’IRST.

Fonti scientifiche

[1] Tumore del colon-retto: messo a punto un innovativo strumento in grado di rivoluzionare la diagnostica precoce – Diatech PahrmaGenetics

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *