Coronavirus in Italia

Coronavirus in Italia: facciamo il punto ma evitiamo psicosi

Nel momento in cui scriviamo sono stati confermati dall’OMS oltre 6.000 casi in Cina e 170 decessi. Un totale di 15 Paesi coinvolti in tutto il mondo dal 31 dicembre 2019 al 28 gennaio 2020. Ci sono anche due casi sospetti in Italia, a Civitavecchia.
Nell’Unione Europea nove casi anch’essi confermati: cinque in Francia e quattro in Germania. Questi, secondo l’ISS (Istituto Superiore di Sanità) sono i numeri del contagio da COV, il nuovo Coronavirus – nuovo rispetto ai 6 tipi conosciuti, di cui due di origine zoonotica (MERS e SARS). Il bilancio è in costante aggiornamento.

L’incontro tecnico sul Coronavirus all’ISS: il problema sono le conoscenze limitate

«Le conoscenze sono limitate – ha commentato Giovanni Rezza, Direttore del Dipartimento Malattie Infettive dell’ISS, nel corso della riunione svoltasi ieri con rappresentanti del Ministero della salute e referenti regionali in videoconferenza – perché non abbiamo dati sufficienti relativi al follow-up dei casi. Con estrema cautela, possiamo dire che i livelli di letalità sono attualmente inferiori a quelli della SARS e superiori a quelli dell’influenza anche per la mancanza di un vaccino in grado di proteggere le persone più fragili. Quello che è certo è il focolaio con epicentro a Wuhan, sede del mercato ittico dove tuttavia non si commercia solo pesce, ma molti altri animali selvatici vivi. E’ certo anche che la trasmissione di comunità, ovvero il passaggio da uomo a uomo, è sostenuta. Poche invece le certezze relativamente all’incubazione (fino a 14 giorni), al picco di escrezione virale, a quanti altri casi può generare una persona colpita dal virus (diversi modelli matematici hanno stimato due casi)».

I contatti a rischio Coronavirus

Nel corso dell’incontro sono stati ribaditi, da Giuseppe Ippolito dell’Ospedale Lazzaro Spallanzani di Roma, i criteri di contatti a rischio:
l’esposizione associata all’assistenza sanitaria;
la permanenza con pazienti affetti da COV;
i viaggi con pazienti infetti;
la coabitazione con gli stessi.

D’obbligo – sottolinea l’ISS – rivolgersi per ogni dubbio al numero verde del Ministero della Salute 1500 che risponde in italiano, in inglese e grazie ai mediatori culturali, anche in cinese, e che non ha più soltanto un ruolo informativo ma anche di valutazione dei casi e quindi di indirizzamento verso canali sanitari. Per approfondimenti consultare la pagina di Epicentro dedicata al Coronavirus.

Evitare la psicosi: il commento dell’esperta

Susanna Esposito, Presidente dell’Associazione Mondiale per le Malattie Infettive e i Disordini Immunologici (WAidid) e Professore Ordinario di Pediatria all’Università di Parma, commenta: «Il nuovo virus non deve essere sottovalutato, soprattutto finché non saranno del tutto note le modalità in cui muta e tutte le caratteristiche che ne favoriscono la diffusione. Ma l’attuale allarmismo rischia di essere eccessivo. A oggi, il nuovo coronavirus si è rivelato mortale solo nel meno del 3% dei casi confermati. senza considerare le migliaia di persone a cui non è stato rilevato per assenza di sintomi. Basti pensare – prosegue Esposito – che solo in Italia, come confermano i dati dell’Istituto Superiore di Sanità, ogni anno circa 8.000 persone muoiono per le complicanze dell’influenza, centinaia di migliaia in tutto il mondo».

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *