Kefir

Covid, le tre molecole naturali in grado di sconfiggerlo

In attesa che arrivi il vaccino definitivo per combattere il Covid, alcuni studi si sono concentrati sull’utilizzo di molecole naturali in grado di contrastare il tanto temuto virus. E sembra proprio che alcune sostanze di uso comune possano aiutarci a debellarlo. Ecco i risultati ottenuti da uno studio italiano.

Le molecole bioattive contro il Covid

Una recente indagine, condotta dal Laboratorio Diagnostiche e Metrologia Enea, ha messo in evidenza come semplici molecole bioattive possano essere in grado di contrastare il Covid. Tra queste Quercitina, Esperidina, Eugenolo e butirrati. La ricerca è stata condotta in collaborazione con le Università di Urbino e Singapore. La buona notizia è che vi sono farmaci già in uso che possiedono tali sostanze e che, di conseguenza, potrebbero interferire con i meccanismi molecolari di Sars-CoV-2.

Le sostanze naturali che combattono il covid

«La nostra ricerca è stata realizzata grazie ai Big Data, ovvero a una serie di piattaforme che raccolgono una grande mole di informazioni», ha dichiarato ad AdnKrono Salute, Laura Teodori del Laboratorio Diagnostiche e Metrologia Enea. «Abbiamo indagato sul meccanismo molecolare usato dal virus per entrare nelle cellule, in particolare sulla via metabolica. Così abbiamo identificato la proteina Hdac (istone deacetilasi), una tra le più importanti molecole che regola l’espressione dei nostri geni, come utile bersaglio terapeutico per contrastare il virus. I risultati, validati dal confronto con i dati clinici di uno studio cinese su 1096 pazienti di Covid-19, aprono la strada a nuovi studi nel settore del drugrepurposing e drug-discovery», spiegaTeodori.

Dove si trovano queste molecole naturali

Le molecole evidenziate nello studio si trovano in alimenti e rimedi naturali di uso comune. I butirrati, per esempio, si formano in seguito alla fermentazione degli alimenti compreso l’ormai famoso Kefir. L’acido butirrico possiede virtù terapeutiche importanti utili a ridurre il rischio di cancro dell’intestino e di malattie degenerative. L’esperidina, invece, si trova negli agrumi – in particolare nella parte bianca. È un flavonoide utile a contrastare l’ossidazione e a favorire la circolazione venosa. Infine, l’eugenolo, è un potente antibatterico naturale utile a combattere microorganismi patogeni di una certa rilevanza come la listeria, l’escherichia coli, la salmonella e lo stafilococco.

Integratori utili contro il Covid?

Nonostante gli ottimi risultati ottenuti dallo studio, gli scienziati ci mettono in guardia dall’utilizzo di integratori o cure fai da te: «Voglio sottolineare – conclude ad AdnKronos Teodori – l’importanza di non assumerle sotto forma di integratori alimentari: gli integratori, infatti, non vanno mai presi senza una indicazione del medico. Piuttosto, si può prediligere un’alimentazione a base di cibi naturalmente ricchi di questi principi attivi, che può essere utile all’organismo».

I risultati della ricerca sono stati pubblicati su Research Square e su Frontiers in Pharmacology.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *