Seguici su

Salute

Dolore alla schiena: cos’è e da cosa è provocato

Sono molti i motivi per i quali può presentarsi e, tra i principali, troviamo posture errate, scarso movimento, sedentarietà, sovrappeso, ma anche patologie che possono coinvolgere la colonna vertebrale

Pubblicato

il

Il mal di schiena è tra i dolori più comuni che può insorgere indipendentemente dal sesso, dall’età e dalle condizioni di salute del soggetto. Sono molti i motivi per i quali può presentarsi e, tra i principali, troviamo posture errate, scarso movimento, sedentarietà, sovrappeso, ma anche patologie che possono coinvolgere la colonna vertebrale.

L’applicazione di un prodotto specifico, come la schiuma cutanea Dicloreum per il mal di schiena, può dare un sollievo immediato, riducendo anche l’infiammazione; nel caso in cui il dolore alla schiena non fosse occasionale, ma si trattasse di un fenomeno ripetuto nel tempo, il trattamento localizzato dovrà essere associato a uno più specifico che andrà individuato insieme al proprio medico di fiducia. Il vostro dottore saprà identificare le cause scatenanti e potrà indicarvi la strada più corretta per eliminare definitivamente il dolore.

Mal di schiena: chi può colpire e come si manifesta

Il dolore alla schiena è diffuso in tutte le fasce della popolazione e può colpire indistintamente uomini e donne di qualunque età, dai giovanissimi agli anziani. Questo dipende dal fatto che, a fronte di un dolore che può apparire simile, ci si trova ad affrontare un sintomo che può essere causato da un ventaglio piuttosto ampio di fattori e che, proprio per questo, si localizza e si palesa in modo diverso da soggetto a soggetto.

In primo luogo, il dolore può essere localizzato in qualsiasi zona della colonna vertebrale, dall’area cervicale, corrispondente grossomodo al collo, a quella dorsale o lombare; inoltre, il dolore può riguardare unicamente la schiena oppure può irradiarsi verso altre parti del corpo, come gli arti e la testa.

Il mal di schiena può presentarsi con vari gradi di intensità, da lieve e quasi impercettibile a intenso e debilitante; quando è molto intenso, il dolore può diventare debilitante e rende difficile lo svolgimento delle normali attività quotidiane, compromettendo la qualità della vita di chi ne viene colpito. Per quanto riguarda la durata, può risolversi spontaneamente nel giro di qualche giorno, magari con l’aiuto dell’applicazione di prodotti specifici a uso locale, oppure può protrarsi nel tempo, ripresentandosi quotidianamente o a periodi ravvicinati.

Come capire da cosa è provocato il dolore alla schiena

Per indagare a fondo le cause del mal di schiena, soprattutto quando si presenta di sovente e risulta intenso e debilitante, è necessario rivolgersi a un medico. Questo, dopo l’anamnesi del paziente, potrà decidere se sottoporre il paziente a esami più specifici oppure, nel caso in cui ritenesse che il problema derivi da uno stile di vita o posture errate, potrebbe decidere di fornire consigli per risolvere il problema ed eventualmente indirizzare verso un fisioterapista o un altro professionista.

Principali cause del mal di schiena

Come abbiamo detto, i fattori che possono provocare dolore alla schiena sono numerosi; tra questi troviamo alcuni comportamenti errati molto diffusi come il mantenimento di posture errate durante l’arco della giornata e lo scarso esercizio fisico. Anche il sovrappeso può provocare dolore alla schiena.

Qualche volta a entrare in gioco sono i gesti e le azioni ripetute in ambito lavorativo o sportivo; tra questi rientrano il sollevamento di carichi molto pesanti, soprattutto quando compiuto in modo errato, e tutte quelle attività che sollecitano eccessivamente la spina dorsale.

Anche numerose patologie, che andranno indagate dal medico, possono presentare tra i sintomi principali dolore alla schiena.

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trending