Il futuro del trapianto capelli, il ruolo delle cellule staminali

The Guardian, il noto giornale inglese ha recentemente pubblicato una intervista al dr Conradus Chosal Gho, personalità scientifica di spicco nel campo dei capelli, creatore delle Hair Science Clinics tra cui quella recentissima di Milano (trapianto capelli Milano) intervistato dal noto giornalista David Cox sul soggetto

La ricerca sulla caduta dei capelli ha preso un nuovo slancio

Con prove sempre più numerose dell’impatto negativo sulla salute mentale, gli scienziati stanno portando avanti nuove scoperte sulla calvizie. L’interesse del pubblico per avere una chioma densa e naturale è sempre crescente come lo dimostrano le applicazioni per incontri su internet, selfie di Instagram o persino la foto aziendale sul profilo LinkedIn: mantenere un aspetto giovanile è diventato una caratteristica fondamentale della vita moderna.

Andre Agassi e la perdita di capelli

Scrivendo nella sua autobiografia, il tennista Andre Agassi ha descritto la sua perdita di capelli da giovane come una perdita di “piccoli pezzi della mia identità”. Con tali ansie amplificate dal mondo digitale, non c’è da meravigliarsi che l’impatto della calvizie maschile e femminile sia stato sempre più collegato a vari problemi di benessere mentale. (photo 1)

La perdita di capelli fonte di malessere

Il dottor Coen Gho, fondatore dell’Hair Science Institute, una delle cliniche di trapianto di capelli leader nel mondo con centri a Milano, Londra, Parigi, Dubai, Jakarta, Hong Kong, Amsterdam e Maastricht, non ha dubbi sul fatto che le diverse scelte di vita e le pressioni che ne derivano contribuiscono pesantemente alle preoccupazioni sulla caduta dei capelli.

Il ruolo della capigliatura nell’immagine di se

“I giovani sono più che mai consapevoli del loro aspetto “, dice. “Un particolare aspetto che è stato constatato è che le persone si creano delle relazioni serie molto più tardi rispetto a 20 o 30 anni fa. Ora nel caso degli uomini questa ricerca di un partner serio avviene alla trentina, il che rende la calvizie maschile più un problema, poiché essa tende a iniziare ad un’età compresa tra i 20 ei 25 anni “.

Debole impatto dei farmaci sulla caduta dei capelli

Ma nonostante questo ampio sviluppo del problema relativo alla caduta dei capelli l’utilizzo di farmaci in grado di fermarla è finora risultato insoddisfacente. Considerato che la calvizie maschile colpisce circa il 50% degli uomini di età superiore ai 50 anni, e che circa il 50% delle donne di età superiore ai 65 anni soffre di calvizie femminile. Testi medici risalenti al 1550 a.C. rivelano che gli antichi egizi cercavano di strofinare praticamente tutto sul cuoio capelluto con degli zoccoli di asino macinati al grasso di ippopotamo, nel tentativo di fermare il processo di calvizie.

Attualmente, i due farmaci più importanti sono il Minoxidil e la Finasteride, ma entrambi sono solo marginalmente efficaci nell’arrestare il tasso di caduta dei capelli e non riescono ad arrestarlo completamente. Inoltre, entrambi i farmaci hanno effetti collaterali spiacevoli, poiché la finasteride non è adatta alle donne mentre si sa che può provocare la disfunzione erettile in alcuni uomini.

Il follicolo pilifero e la sua sensibilità al diidrotestosterone

Uno dei motivi principali per cui ci manca un modo efficace per prevenire la caduta dei capelli è che sappiamo ancora poco dei meccanismi molecolari che sono alla base della crescita e della perdita dei capelli umani. Ogni follicolo pilifero sul nostro cuoio capelluto è un organo in miniatura, che segue il proprio ciclo ritmico di crescita, regressione e riposo per tutta la nostra vita. Con l’età, alcuni di loro diventano sensibili agli ormoni sul cuoio capelluto, in particolare il diidrotestosterone o DHT, che si lega ai follicoli e li miniaturizza fino a quando non producono più capelli visibili. Tuttavia, non sappiamo quasi nulla su come avviene questo processo di miniaturizzazione o su come prevenirlo.

La caduta dei capelli, problema estetico o malattia?

Secondo il Prof Ralf Paus, dermatologo dell’Università di Manchester, ciò è dovuto al fatto che la caduta dei capelli è ancora vista in gran parte come un problema estetico, piuttosto che come una malattia. Per questo motivo, nel mondo occidentale, né l’industria né i laboratori di ricerca universitari sono stati disponibili a spendere ingenti somme di denaro per la ricerca sui capelli. Nonostante l’ampiezza della domanda dei pazienti, questi organismi sono stati dissuasi dalla consapevolezza che è improbabile che qualsiasi farmaco che arriva sul mercato sia convalidato dalle organizzazioni sanitarie o dalle compagnie di assicurazione.

“Se si guarda alle somme che le aziende farmaceutiche hanno speso per inventare nuovi farmaci contro il cancro o per le malattie cardiache, si tratta di miliardi”, dice Paus. “Questi investimenti non sono mai stati impiegati in una seria ricerca sui capelli”. Sebbene la caduta dei capelli possa avere un indubbio impatto psicologico sui malati, non può essere paragonata a malattie croniche pericolose per la vita, molte delle quali incurabili. Ma c’è sempre più speranza per coloro che soffrono di perdita di capelli, poiché mentre non siamo più vicini a trovare un modo per prevenire la calvizie gli scienziati stanno sviluppando metodologie sempre più nuove per sostituire o rigenerare i capelli persi.

La prossima generazione di trapianti, già attuale nelle Hair Science Clinics

Priva di farmaci per prevenire la caduta dei capelli, la chirurgia estetica ha cercato di sopperire a questo vuoto relativo ai trattamenti. Negli ultimi due decenni i trapianti di capelli – che prendono i follicoli piliferi da “aree donatrici” resistenti al DHT sul retro e sui lati del cuoio capelluto e li trasferiscono per coprire le zone calve – hanno offerto una nuova speranza per chi soffre di perdita di capelli. La domanda è tale che gli analisti di mercato hanno previsto che il valore dell’industria globale dei trapianti di capelli supererà i 24,8 miliardi di dollari entro il 2024 e che le tecniche diventeranno sempre più avanzate. Gho utilizza nelle Hair Science Clinics un metodo chiamato estrazione parziale dell’unità follicolare longitudinale. Si estrae solo una piccola porzione di ciascun follicolo pilifero. Ciò intanto ha come conseguenza che al paziente non rimangono cicatrici sulla parte posteriore e sui lati della testa, come invece avviene con alcune procedure di trapianto tradizionali, che rimuovono strisce di pelle e le innestano nella zona calva. “Abbiamo scoperto che non è necessario l’intero follicolo, ma solo una parte molto piccola di esso, per produrre un nuovo capello da trapiantare nell’area ricevente”, spiega. “Ciò significa che dopo il trattamento, i capelli della zona donatrice ricrescono rigenerandola completamente. I capelli possono quindi essere tagliati corti, senza alcuna perdita di densità. Il capitali capelli ne risulta moltiplicato. Uno dei limiti dei trapianti di capelli con le tecniche diffusamente utilizzate e conosciute è che molti pazienti hanno tendenza ad avere bisogno di più procedure se continuano a perdere i capelli. I pazienti che sono completamente calvi possono anche non avere follicoli sufficienti sul retro e sui lati per coprire le aree calve. Questo perché in loro capitale capelli è limitato e la ridistribuzione dei loro capelli diventa semplicemente insufficiente.

Generare nuovi capelli da zero

Invece di fare affidamento sul capitale capelli della zona donatrice, la via da seguire potrebbe essere quella di utilizzare le cellule staminali dei pazienti per far crescere completamente i follicoli piliferi interi da zero in laboratorio. Questi follicoli potrebbero quindi essere coltivati ​​in quantità illimitate e innestati sul cuoio capelluto.

La ricerca in estremo oriente

Molte di queste iniziative si stanno svolgendo in Giappone e Corea del Sud, dove tali ricerche vengono finanziate dal governo o da società private.”Ci sono maggiori investimenti nella ricerca sui capelli in Corea e Giappone, forse a causa delle differenze culturali”, spiega Ohsang Kwon, un dermatologo presso l’ospedale dell’Università Nazionale di Seoul. “Nel mondo occidentale, molti uomini si raderanno la testa quando perdono i capelli. È imbarazzante farlo nella nostra cultura perché questo aspetto ci identifica come criminali o gangster “. Nell’ultimo anno, un certo numero di gruppi di ricerca giapponesi ha pubblicato rapporti che alludono a un importante passo avanti. Alla Yokohama National University, gli scienziati guidati da Junji Fukuda hanno sviluppato un metodo sperimentale per generare nuovi follicoli piliferi da cellule staminali in quantità molto più elevate che mai, mentre entro la fine dell’anno gli scienziati del Riken Center for Developmental Biology lanceranno sperimentazioni cliniche con follicoli piliferi coltivati ​​interamente da cellule staminali.

Il ruolo delle cellule staminali pilifere nel trapianto capelli

“Ci auguriamo decisamente che gli approcci con le cellule staminali siano un’opzione migliore per i pazienti con grave perdita di capelli che non hanno capelli sufficienti per il trapianto di capelli”, afferma Fukuda. “Il trapianto di capelli tradizionale non aumenta il numero di capelli nel cuoio capelluto, ma la medicina rigenerativa può farlo in linea di principio, facendo crescere le cellule staminali al di fuori del corpo.” In futuro, la stampa 3D potrebbe persino aiutare a farlo su larga scala. Alla Columbia University di New York, Angela Christiano sta lavorando alla creazione di “hair farm” utilizzando una griglia di stampi in plastica stampati in 3D che imitano la forma esatta dei follicoli piliferi. Una delle principali sfide affrontate quando si utilizzano le cellule staminali per far crescere nuovi capelli in un piatto è che senza i segnali naturali forniti dal cuoio capelluto, le cellule inizialmente non si rendono conto di ciò che dovrebbero fare. Coltivarli in un ambiente artificiale simile quello reale aiuta a stimolarli a creare un nuovo capello, ma gli scienziati devono ancora risolvere alcune sfide estetiche. “Ora dobbiamo affrontare alcune domande chiave, come: di che colore saranno i capelli?” lei dice. “Come facciamo a rendere i capelli pigmentati? I capelli del paziente sono lisci o ricci e come creiamo quella consistenza quando li facciamo crescere in una griglia? Dobbiamo risolvere queste domande prima di poter pensare di iniettarli nel cuoio capelluto dei pazienti “. Ma Paus avverte che ancora non sappiamo se tali metodi sarebbero sicuri o finiranno per essere esteticamente gradevoli. E anche se lo fossero, il costo probabilmente significherà che sono accessibili solo ai molto ricchi. “In realtà ci sono molti, molti problemi, il che significa che ancora il risultato resta molto incerto”. “Se crei un nuovo mini-organo da zero, devi stare molto attento che questo organo non cresca senza controllo e diventi un tumore. Deve anche crescere in un modo che appaia naturale. ”

Ridare vita ai follicoli esistenti

Piuttosto che cercare di far crescere follicoli completamente nuovi, Paus pensa che dovremmo concentrare i nostri sforzi sul tentativo di far rivivere quelli che già abbiamo. Sottolinea che anche le persone completamente calve hanno ancora 100.000 follicoli piliferi su tutto il cuoio capelluto. Semplicemente non puoi vederli. “Sono miniaturizzati, quindi invece di produrre un normale capello, ne fanno solo uno minuscolo, microscopicamente visibile”, dice. “Ma l’organo è ancora lì. Quindi, per risolvere il problema della calvizie, non abbiamo bisogno di un nuovo follicolo pilifero, dobbiamo solo far sì che quelli già presenti facciano di nuovo il loro lavoro correttamente. Se potessimo ritrasformare questi follicoli miniaturizzati in follicoli grandi, non avremmo bisogno di un trapianto di capelli “. Negli ultimi quattro anni, Paus ha esplorato un modo particolarmente innovativo per farlo. Ci sono una piccola manciata di farmaci, come la ciclosporina immunosoppressore, che causa la crescita dei peli superflui come effetto collaterale. Studiando questo, il gruppo di ricerca di Paus ha identificato un percorso completamente nuovo per stimolare i follicoli piliferi.

Verso una nuova classe di farmaci?

Questo ci ha permesso di scoprire alcuni principi di base per il controllo della crescita dei capelli che potrebbero essere utilizzati per trovare una classe completamente nuova di farmaci per capelli”, afferma. Da allora si sono trovati una serie di composti che sembrano essere altamente efficaci nello stimolare questo percorso e nell’indurre la crescita dei capelli quando testati su cellule del follicolo pilifero umano in laboratorio. Se abbastanza sicuri, potrebbero presto essere sperimentati come nuovo trattamento topico nei volontari. Di conseguenza, mentre il Santo Graal della caduta dei capelli – prevenendola completamente – rimane ancora una visione lontana, ci sono trattamenti abbastanza promettenti in cantiere per consentire anche alle persone più calve di sognare di avere nuovi capelli. Per gli scienziati, in particolare quelli del mondo occidentale, la speranza è semplicemente che tali scoperte incoraggino nuovi investimenti nel campo. “I capelli sono uno dei nostri più importanti strumenti di comunicazione sociale, quindi i nuovi trattamenti sono un mercato enorme, un mercato multimilionario che continua a crescere”, afferma Paus. “C’è un vasto potenziale economico derivante da importanti scoperte nella ricerca sui capelli. Ma per realizzarli sono necessari più finanziamenti da parte del governo e dell’industria. Quella consapevolezza non è ancora realmente avvenuta.”

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *