Seguici su

Salute

Invecchiare in salute si può: le regole d’oro per essere sempre in forma

Medico, psicologa, dietista e fisioterapista del Gruppo leader nel settore delle Residenze per Anziani stilano le regole d’oro per invecchiare in salute, prendendosi cura di sé fin da subito

Pubblicato

il

Invecchiare in salute

In occasione della giornata regionale piemontese dell’invecchiamento attivo, che decorre il 22 aprile, il gruppo di esperti della terza età di Orpea Italia ha collaborato per spiegare in modo semplice e chiaro quali siano gli stili di vita, le buone abitudini e i suggerimenti da promuovere per invecchiare in salute e continuare a partecipare attivamente alla vita sociale all’interno della propria comunità. Orpea Italia, divisione italiana del Gruppo francese Orpea con head quarter a San Maurizio Canavese (TO), è presente sul territorio nazionale con 24 strutture tra RSA e cliniche riabilitative, solo in Piemonte sono di Orpea otto residenze per anziani e 4 case di cura distribuite tra Torino e provincia, Asti, Novara e il Verbano.

L’invecchiamento attivo

La dottoressa Alessandra Rosselli, direttore sanitario di Casa Mia Borgaro spiega: «L’invecchiamento attivo è stato definito dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) nel 2002 come il processo di ottimizzazione delle opportunità di salute, partecipazione e sicurezza per migliorare la qualità della vita delle persone che invecchiano. Si tratta di un tema di grande attualità: se da un punto di vista storico-culturale e sociale l’aumento dell’aspettativa media di vita è uno dei successi umani più rilevanti, dall’altra parte è necessario che tutti cooperino per trovare le giuste modalità per fornire risposte adeguate ai bisogni specifici di questa fascia di popolazione. L’obiettivo e il principio fondante di Orpea non è solo quello di prendersi cura della terza età con amore e competenza ma anche quello di fornire ad anziani, famigliari e caregivers strumenti e consigli volti a favorire la crescita personale di queste persone, valorizzandone le capacità, le esperienze di vita e l’utilità sociale».

Il lavoro della dottoressa è stato accompagnato da quello di Mariateresa Catalano, Dietista Responsabile del Servizio di Ristorazione di Orpea Italia, Emanuela Piana, Psicologa presso la Residenza Arcadia di Belgirate (VB)e Federico Altamore, fisioterapista presso la Residenza Richelmy di Torino.

Le regole d’oro per un invecchiamento attivo

Di seguito, i consigli per invecchiare in salute

  1. ALIMENTAZIONE SANA E IDRATAZIONE sono alleati di giovinezza e sono fondamentali per garantire il corretto funzionamento di mente e corpo:
    • Sostituire i grassi saturi (es. derivati animali) con gli insaturi (es. oli vegetali)
    • Mangiare cibi che contengano omega-3 (es. pesce, verdure a foglia larga, noci, mandorle)
    • Ridurre l’apporto di sale
    • Prediligere cibi che contengano antiossidanti (es. pomodori, kiwi, mirtilli e frutti di bosco, prugne, melograno)
    • Limitare la caffeina e le bevande alcoliche
    • Bere 8-10 tazze colme di liquidi al giorno, di cui almeno 5 di acqua
    • Via libera ai centrifugati di frutta e verdura: sono dei veri e propri “farmaci naturali” poiché consentono di assumere grandi quantità di frutta e verdura di stagione che, diversamente, non saremo mai in grado di mangiare, senza tralasciare il fatto che si tratta di cibi freschi e crudi, quindi al pieno del loro potere energetico e nutritivo. I centrifugati sono anche dei potenti disintossicanti, capaci di attenuare disturbi quali la colite, la cistite o irritazioni dell’apparato gastrointestinale.
  2. CURARE IL SONNO:
    • Evitare i sonnellini durante il giorno, soprattutto in prossimità delle ore serali
    • La sera coricarsi a letto quando ci si sente stanchi e si sente il bisogno di dormire
    • Cercare di mantenere degli orari regolari e constanti
    • Rendere la camera da letto confortevole e rilassante
    • Cercare di non guardare la TV a letto e limitare l’utilizzo di computer e tablet prima di andare a dormire.
  3. MANTENERE IL CERVELLO ALLENATO per aumentare la propria “riserva cognitiva”.
    • Affiancare alle proprie abitudini e routine quotidiane idee e attività nuove, anche sfidanti; non è mai troppo tardi per imparare
    • Leggere, fare le parole crociate, scrivere appunti e ricordi
    • Guardare il calendario usandolo per programmare il proprio futuro
    • Giocare a carte, dama, scacchi e giochi di società in generale
    • Tenersi al passo con l’informazione.
  4. FARE ATTIVITÀ FISICA, MEGLIO SE IN COMPAGNIA migliora forza muscolare, resistenza fisica, flessibilità e mobilità. Inoltre, favorisce la riduzione dello stress, il compenso della pressione arteriosa e dei disturbi metabolici.
    • Iniziare la giornata con semplici esercizi di riscaldamento muscolare appena alzati (lente circonduzioni di spalle, capo, polsi e caviglie, da seduti sul letto piegare e stendere alternatamente le gambe, seduti con le mani sulle ginocchia incurvare e distendere il dorso e la parte lombare della colonna vertebrale, con le braccia stese in avanti aprire e chiudere le dita delle mani)
    • Ridurre il più possibile il tempo che si trascorre seduti
    • Iscriversi a corsi e terapie di gruppo (kinesiterapia, geromotricità, acquagym, ginnastica dolce, pilates)
    • Camminare almeno due volte a settimana e per almeno 30 minuti ogni volta, preferibilmente nel verde.
  5. COLTIVARE LE RELAZIONI SOCIALI
    • Mantenere e frequentare – con costanza – un gruppo di amici e/o familiari
    • Essere coinvolti nella propria comunità (anche religiosa)
    • Essere informati sulla rete territoriale di centri di aggregazione in cui conoscere nuove persone che potranno diventare nuovi amici con cui condividere hobby e interessi
    • Partecipare a progetti di volontariato
    • Dedicarsi ad animali da compagnia e prendersi cura di piante e giardini, l’”accudire” aiuta a star bene.
  6. PRENDERSI CURA DI SÉ STESSI: CORPO E SPIRITO
    • Aumentare la cura e la valorizzazione della propria persona, seguire corsi (anche personalizzati) di make-up e partecipare a gruppi con estetiste e parrucchiere. Sapersi truccare e pettinare da soli, oltre ad aumentare l’autostima, migliora e rinforza muscoli/articolazioni
    • Dedicare tempo ai più giovani; bambini e nipoti. Lo scambio intergenerazionale è di grande insegnamento e di grande valore emotivo per entrambe le generazioni coinvolte
    • Se si affrontano giornate o momenti negativi dedicarsi alle proprie attività preferite oppure concedersi un momento di rilassamento: assumere una posizione comoda, chiudere gli occhi e respirare profondamente concentrandosi su “qualcosa” che fa stare bene (un’immagine del mare, il fiume che scorre, un paesaggio innevato)
    • Prendere, idealmente, una valigia, metterci dentro “gli ingredienti della vita” e regalarli a un giovane. È un’eredità preziosa.
E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Trending