Risultati shock sugli imballaggi per alimenti. Ecco cosa ci mangiamo ogni giorno

Un recente studio ha preso in esame soggetti provenienti da diversi paesi europei rilevando risultati sconcertati: nel corpo umano si trovavano tra le 18 e le 23 sostanze tossiche. Tutte derivavano dagli imballaggi utilizzati per gli alimenti – tra questi anche la plastica. Nelle urine dei volontari sono stati trovati ftalati, bisfenolo e il tanto temuto BPA. Proprio per questo motivo, la Commissione europea ha deciso di aggiornare le leggi che regolano le sostanze chimiche nei materiali a contatto con gli alimenti (MOCA).

Sostanze chimiche negli alimenti. Nessun Paese è migliore di un altro

Se pensate che il problema sia limitato vi sbagliate di grosso. Dai risultati dello studio – diffuso grazie all’associazione ambientalista Zero – le variazioni tra i vari Paesi europei sono minime, il che significa che ovunque utilizziamo gli stessi imballaggi (tossici) per alimenti. Ricordiamo che molte delle sostanze trovate nel corpo umano dei soggetti analizzati sono associate alla comparsa di cancro, malattie cardiovascolari, danni al sistema riproduttivo e immunitario. Primi fra tutti il pericoloso bisfenolo A presente nei cartoni della pizza o gli ftalati che si trovano nei contenitori in plastica utilizzati per confezionare formaggi, salumi eccetera.

Ogni giorno introduciamo sostanze tossiche

«Questi risultati sono un’ulteriore prova di come gli imballaggi ei prodotti che consumiamo e utilizziamo quotidianamente introducano sostanze chimiche estranee nel nostro corpo, che la scienza ha dimostrato essere potenziali rischi per la nostra salute e l’ambiente. È urgente ridurre l’uso di opzioni usa e getta e di fare affidamento su materiali circolari e sicuri» ha dichiarato Susana Fonseca.

Un problema mondiale

Come è facilmente intuibile si tratta di un problema che riguarda non solo l’Europa, ma anche tutto il resto del mondo. Alcuni mesi fa, infatti, un numeroso gruppo di scienziati ha firmato una dichiarazione di consenso che metteva in guardia dall’uso degli imballaggi usa e getta per alimenti. L’uso frequente è una minaccia per la salute umana. Il documento in questione è stato firmato da oltre 230 ONG, mentre più recentemente la Commissione Europea ha optato per una revisione della normativa che riguarda i materiali che vengono a contatto con gli alimenti. Chiaramente non sarà una cosa immediata, il termine ultimo è infatti previsto per la fine del 2022. Il prossimo passo, perciò, è quello di modificare le leggi allo scopo di garantire la salute pubblica.

Fonti scientifiche

Plastics in the Spotlight Project – Plastic food packaging chemicals & human health

Revision of EU rules on food contact materials – Commissione Europea

Estudo europeu identifica a presença no corpo humano de 18 a 23 substâncias químicas perigosas entre 28 analisadas

EC kicks off food contact material revision: ‘Public health has been inadequately protected from toxic chemicals for too long’ – FoodNavigator

 

One Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *