Spirulina organica, esiste o è un falso mito?

L’alga spirulina biologica o organica esiste davvero o è solo un mito? Scopriamolo insieme

Da tempo si è acceso un dibattito sulla nota alga spirulina, tanto amata dai cultori della salute naturale e dai chi segue una dieta vegetariana o vegana. La diatriba è: esiste una spirulina organica, o biologica?

Bio o come natura crea?

Quando parliamo di “Bio” il primo pensiero va all’agricoltura biologica, ossia quel metodo di coltivazione che non utilizza sostanze chimiche (pesticidi ecc.) che sono riconosciuti essere nocivi per l’alimentazione, le specie viventi e l’ambiente. Ma oggi si parla di “Bio” anche quando ci si riferisce ad allevamenti di animali o altri organismi viventi. Cosa diversa, invece, quando si tratta di vegetali o animali cresciuti e vissuti da soli in un ambiente naturale come, per esempio, le specie vegetali selvatiche o la selvaggina. Questi si possono definire bio perché sono cresciuti nella natura, ma non è detto che questa sia priva di inquinanti con cui possano venire in contatto. Per cui il confine è piuttosto sottile.

La spirulina non è un’alga

Forse qualcuno si stupirà nello scoprire che “l’alga spirulina” in realtà non è un’alga. Sì, perché in verità si tratta di batteri: cianobatteri, per la precisione. La spirulina, infatti, si forma dall’aggregazione di un microscopico cianobatterio del genere Arthrospira. Ha caratteristiche fotosintetiche e si riconosce per il suo colore blu/verde – che è anche la caratteristica della spirulina. Per riprodursi, questo batterio necessita di luce solare abbinata a minerali e oligoelementi – gli stessi che poi ritroviamo nel prodotto che consumiamo, e che caratterizza questo superfood.

La spirulina bio

Ma allora esiste la spirulina bio? O soltanto quella “selvatica”? La risposta è entrambe. Ma con Nutri&Co abbiamo più garanzie di qualità e sicurezza. Così come avviene per molte altre coltivazioni o acquacolture, anche la spirulina può avere la sua certificazione AB (Agricoltura Biologica) che ne attesta il metodo di produzione biologica. Questo anche se la coltivazione della spirulina con metodo biologico presenta molte difficoltà a causa della sua necessità di assorbire azoto. Questa complicazione rende difficile trovare sul mercato prodotti a base di spirulina che siano di qualità, sicuri e ricchi di elementi. Certo, ce ne sono pochi, ma per fortuna si trovano e così possiamo godere di tutti i molteplici benefici per la salute e il benessere che questo superfood può offrire, in tutta tranquillità. Per cui, niente sostanze chimiche nocive, assorbite magari nell’ambiente naturale, ma solo nutrienti, minerali e oligoelementi salutari e garantiti.

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *