Gelato: il modo in cui lo mangi rivela che tipo sei

Durante le soleggiate giornate estive, a chi non viene voglia di un gelato? Ma gustare un cono non è solo una questione di sapore, può infatti diventare anche occasione di divertimento. Guarda come amici e parenti mangiano il gelato: potresti scoprire lati della loro personalità che ancora non conoscevi.

Gelato meglio della grafologia

Mangiare un gelato, o meglio leccarlo, succhiarlo o morderlo è lo specchio della personalità. È quanto asserisce il Professor Alessandro Amadori – psicologo, opinionista e scrittore, direttore del Dipartimento Ricerche Motivazionali dell’Istituto CIRM. Mangiare un gelato in compagnia, quindi, è quasi paragonabile alla grafologia per interpretare il carattere di una persona. «Al di là delle preferenze per cono, coppetta, biscotto o stecco possiamo esaminare i quattro possibili modi di mangiare il gelato del gelato: leccando, succhiando, a morsi, a morsetti», spiega il Professor Amadori.

Gelato: Se lo lecchi, sei ottimista

«La modalità più frequente è quella del leccare. In linea di principio, chi mangia il gelato leccando è una persona che ama la vita sociale, che partecipa molto volentieri ai contesti sociali e ama conoscere gente nuova. E’ la modalità degli ottimisti, e in qualche caso anche degli ambiziosi e di coloro ai quali piace provocare chi sta loro attorno», continua Amadori. Lo psicologo spiega che una delle persone che mangia il gelato in questo modo è la cantante TOSCA: «Amo senza dubbio mangiare il cono leccandolo intorno, perché non si sciolga e non coli. Perlomeno, riesco a non sporcarmi le mani! Ma la cialda poi richiede i morsetti. Condivido in parte il profilo tratteggiato dal dott. Amadori. Sono sicuramente una persona estroversa e socievole, sono molto aperta. Mi piace stare con la gente, ridere, giocare. Però non nego anche un approccio più riservato e riflessivo, più intimo, che deriva dalla mia infanzia».

Gelato: se lo succhi, sei più infantile

Se sei una di quelle persone che il gelato lo succhia, potresti avere una personalità un po’ più bambinesca. «Succhiare è una forma più «infantile» di leccare. Chi mangia il gelato così probabilmente è una persona molto orientata ai legami affettivi intensi, quasi simbiotici» spiega lo psicologo.

Gelato: morsi o morsetti per gli introversi e i testardi

«Chi invece consuma il gelato a morsetti tende a essere una persona piuttosto attenta e cauta in ogni circostanza della vita. Una persona che non ama prendere decisioni affrettate, gentile e sensibile e prevalentemente riflessiva». Un introverso, dunque, a differenza di chi ama leccarlo. «Più rara è la modalità di consumo a veri e propri morsi. Chi mangia il gelato in questo modo ha buone probabilità di essere una persona piuttosto testarda, che vuole decidere di testa propria, seguire a tutti i costi la propria via. Una persona che ama lavorare e tendenzialmente molto sincera».

Come mangiamo il gelato parla di noi
Come mangiamo il gelato parla di noi

Gelato: la visione di Stefano Fresi

Stefano Fresi, attore in «Noi e Giulia», scherza durante un’intervista all’Istituto del Gelato Italiano: «Il mio approccio è l’unione di queste varie cose. A seconda dell’intensità, del gusto, della densità, del sapore: una volta si morde, un volta si lecca, una volta si succhia, insomma… un po’ tutti i modi sono giusti, non saprei sceglierne uno solo. Forse secondo il dott. Amadori questo rimanda a personalità multiple. Non sarò mica bipolare?».

Vedi anche: Quando mangi il gelato ti si «congela» il cervello? ecco come evitare il mal di testa

Gelato: il trucco del nutrizionista per ottenere il massimo del gusto

Un piccolo segreto per garantire il massimo del gusto, consigliato dal nutrizionista Pietro Migliaccio: «Se non ci si ferma qualche secondo tra una leccata e un morso, si rischia di anestetizzare le papille gustative! Aspettate qualche secondo, per gustare meglio. Provate a variare tra morsi piccoli e morsi grandi. Per qualcuno sarà un’esperienza nuova, un momento speciale di relax e piacere».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *