Vagina: quello che le donne non sanno

Un’indagine ha rivelato che ben il 54% delle donne non conosce alcune cose specifiche riguardo ai propri genitali e l’anatomia di questi. Ma non solo. Ci sono anche diverse domande e dubbi che non osano porre e chiarire con il proprio medico ginecologo. La stessa indagine ha rivelato che il 41% delle donne non controlla mai la propria vagina e l’area intorno o interna per controllarne la salute.

Vagina: ignoranza e infezioni

Secondo i ginecologi, l’ignoranza circa la propria anatomia genitale e il non controllare se ‘è tutto a posto’, spesso è una delle principali cause dei disturbi all’apparato genitale e di infezioni. Da quanto emerge dall’indagine condotta per Canesten della Bayer, circa il 54% delle donne non ha familiarità con la propria vulva, e giustifica questa carenza con il fatto che (nel 76% dei casi) di non essere stata istruita sulle caratteristiche della propria anatomia durante la crescita. Già una ricerca precedente pubblicata sul Journal of Pediatric and Adolescent Gynecology aveva rivelato che addirittura il 62% delle donne non era in grado di localizzare correttamente la vagina in una illustrazione dell’apparato genitale.

Altre mancanze d’informazione sulla vagina

Sempre l’indagine Canesten ha messo in evidenza come il 41% delle donne non controlla mai la propria area vaginale, mentre il 44% dichiara di non essere in grado di identificare cambiamenti anormali e il 45% si dice preoccupata per la propria salute vaginale. Gli esperti, tuttavia, non si sono detti sorpresi, perché in base alle loro esperienze con le proprie pazienti hanno constatato che la maggior parte delle donne non conosce le caratteristiche anatomiche delle loro parti intime. Per fare un esempio, che può sembrare assurdo, la dott.ssa Streicher (ginecologa) ha detto al tabloid inglese Daily Mail, che «molte donne non sono nemmeno sicure di dove si inserisca il pene, da dove viene fuori l’urina e come si presentano le normali perdite vaginali».

Vagina
Vagina

Controllare con frequenza la vagina

La dott.ssa Streicher ha anche detto che è particolarmente allarmante che le donne non si esaminino frequentemente, perché in questo modo non saranno in grado di individuare cambiamenti significativi nella loro vulva, i genitali esterni. Le vulve sono di varie dimensioni – sottolinea la ginecologa – forme e colori e i cambiamenti avvengono frequentemente. Uno dei maggiori problemi in questo senso pare sia che le donne non sanno cosa è ‘normale’, per cui è difficile che si accorgano di qualcosa che invece non lo è.

Vedi anche: Tampone vaginale o cervico-vaginale, cos’è e a cosa serve. eseguirlo in caso di candida o gravidanza

Molte non sanno cosa causa le infezioni vaginali

Altro problema emerso dall’indagine è che non solo le donne non conoscono l’ABC della loro vagina, ma molte non sono in grado di riconoscere condizioni o infezioni vaginali comuni come mughetto, cistite, vaginosi batterica e secchezza vaginale. Per esempio, la vaginosi batterica è un’infiammazione causata dalla proliferazione anomala di batteri naturalmente presenti nella vagina. I sintomi includono bruciore mentre si urina, irritazione vaginale e prurito. Possono esserci perdite vaginali bianche o grigie schiumose o acquose Ma, anche in questo caso, circa il 52% delle donne afferma di non essere sicura di cosa sia, nonostante sia una delle più comuni infezioni vaginali.

Infezione della vagina da lieviti o mughetto

Nonostante quasi il 75% di tutte le donne avrà almeno una infezione da lievito nel corso della sua vita, circa il 14% delle intervistate ritiene che possa essere causata da una cattiva igiene, come il non lavarsi abbastanza. Tuttavia, la dott.ssa Streicher ha specificato che queste condizioni non sono quasi mai causate da un problema di igiene. Semmai, le cause possono andarsi a ricercare in un uso di antibiotici, che possono modificare l’equilibrio del pH della vagina, determinando la crescita eccessiva del lievito. Nonostante ciò anche un uso eccessivo di saponi e detergenti può alterare l’equilibrio del pH vaginale: in questo caso, ben l’80% delle intervistate non lo sapeva. E, invece di farsi curare, il 27% delle donne ha confessato di mascherare il problema della vaginosi batterica con il deodorante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *