long covid

Attenzione a questi sintomi: il 76% dei pazienti Covid è ancora «malato» dopo 6 mesi

Una recente ricerca condotta su oltre 1700 pazienti ricoverati in un ospedale di Whuan durante la prima ondata evidenzia che le persone contagiate mostrano almeno un sintomo sei medi dopo l’infezione. Ciò significa che il superamento della fase acuta non corrisponde alla vera e propria guarigione. Sembra infatti che la fase di recupero sia estremamente lunga e che non dipenda necessariamente dalla gravità della patologia. Ecco i sintomi a cui fare attenzione.

Cos’è il Long COVID?

Il termine Long COVID è utilizzato per definire la cosiddetta sindrome a lungo termine da Covid. Si verifica – secondo gli ultimi studi – nel 76% delle persone che hanno contratto la malattia. Si manifesta con tutta una serie di sintomi che durano mediamente sei mesi dal termine dell’infezione o dalle dimissioni dall’ospedale. I pazienti che sono stati ricoverati in terapia intensiva presentano conseguenza più gravi, in particolare a livello respiratorio. Ma anche chi ha manifestato forme più leggere ha una ripresa decisamente lunga. Ad arrivare a tali conclusioni è stato il team di scienziati Centro nazionale di ricerca clinica per le malattie respiratorie dell’Ospedale dell’Amicizia Cina-Giappone di Pechino. Lo studio è stato effettuato in collaborazione con il Dipartimento di Medicina dell’ospedale Jin Yin-tan di Wuhan, l’Istituto di ricerca clinica dell’Università di Pechino, l’Accademia Cinese delle Scienze e il Peking Union Medical College.

Sintomi COVID a 6 mesi dall’infezione:

Grazie agli scienziati, coordinati dal professor Bin Cao, sono stati presi in esame circa 1.700 pazienti ricoverati presso l’ospedale di Wuhan tra il 7 gennaio e il 29 maggio del 2020. I sintomi più comuni evidenziati durante la ricerca sono:

  • Affaticamento
  • Debolezza muscolare
  • Disturbi del sonno
  • Ansia
  • Depressione

Sintomi più gravi

  • Ridotta funzionalità polmonare
  • Danni a uno o più organi
  • Crollo degli anticorpi neutralizzanti

Effetti a lungo termine del COVID

«Poiché la COVID-19 è una malattia così nuova, stiamo solo iniziando a comprendere alcuni dei suoi effetti a lungo termine sui pazienti. La nostra analisi indica che la maggior parte dei pazienti continua a convivere con almeno alcuni degli effetti del virus dopo aver lasciato l’ospedale, e ciò evidenzia la necessità di cure post-dimissione, in particolar modo per coloro che hanno sofferto di infezioni gravi. Il nostro lavoro sottolinea anche l’importanza di condurre studi di follow-up più lunghi in popolazioni più ampie al fine di comprendere l’intero spettro di effetti che la COVID-19 può avere sulle persone», spiega il professor Bin Cao. «Purtroppo, ci sono pochi rapporti sul quadro clinico delle conseguenze della COVID-19. Lo studio di Huang e colleghi su The Lancet è quindi rilevante e tempestivo», hanno dichiarato alcuni scienziati italiani Giuseppe Remuzzi, Monica Cortinovis e Norberto Perico.

Fonti scientifiche

6-month consequences of COVID-19 in patients discharged from hospital: a cohort study – THE LANCET

One Comment

  1. Graziano Reply

    Secondo me, qualunque malattia lascia il segno per tutta la vita, dopo anni casualmente si ripresentano i sintomi seppur lievi e di poca durata, forse una questione psicologica, dalle malattie non si guarisce mai completamente.
    Grazie per avermi consentito di esprimere la mia opinione.
    Distinti saluti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *