Torna a vedere dopo 10 anni. Grande successo per il primo trapianto al mondo di cornea artificiale

Un nuovo metodo che ha ottenuto un grandissimo successo donando la vista a un uomo quasi totalmente cieco. L’intervento, eseguito dal team di scienziati del Rabin Medical Center, potrebbe restituire la vista a milioni di pazienti in tutto il mondo. La cecità corneale, infatti, è un problema che affligge tantissime persone e non tutte possono sottoporsi a un normale trapianto di cornea naturale. Ecco perché quella artificiale potrebbe essere la svolta per questo genere di patologia.

Torna a vedere a 78 grazie a un intervento di cornea artificiale

L’uomo, di 78 anni, è tornato a vedere in seguito all’impianto di una cornea 100% artificiale. Si tratta del primo intervento al mondo che ha previsto l’utilizzo della CorNeat Kpro in sostituzione di una cornea proveniente da donatore deceduto. Dopo sole 24 ore dall’operazione i medici hanno eliminato il bendaggio dal paziente e nel giro di pochi istanti l’uomo ha potuto finalmente rivedere amici, familiari e tutto il mondo intorno a sé. Il momento è stato immortalato in un emozionante video.

Una procedura chirurgica semplice, CorNeat Kpro

«La procedura chirurgica è stata semplice e il risultato ha superato tutte le nostre aspettative. Il momento in cui abbiamo tolto le bende è stato emozionante e significativo. Momenti come questi sono l’adempimento della nostra vocazione di medici. Siamo orgogliosi di essere in prima linea con questo progetto entusiasmante e significativo che avrà senza dubbio un impatto sulla vita di milioni di persone», ha dichiarato il professor Bahar. Ricordiamo che, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, la cecità corneale è un disturbo che colpisce due milioni di persone ogni anno.

L’emozionante video dell’uomo che ha ritrovato la vista dopo 10 anni

Sul sito di Corneat Vision troverete l’emozionante video che ha documentato la felicità del paziente e della sua famiglia al momento dell’eliminazione del bendaggio. «Mostrare questo primo occhio impiantato e trovarsi in quella stanza, in quel momento, è stato surreale. Dopo anni di duro lavoro, vedere un collega impiantare la CorNeat KPro con facilità e osservare un altro essere umano riacquistare la vista il giorno seguente è stato elettrizzante e commovente, c’erano molte lacrime in quella stanza», ha concluso il dottor Gilad Litvin, ideatore della CorNeat Kpro.

Foto di Copertina (C) Corneat Vision

Fonti scientifiche

CorNeat Kpro

CorNeat Vision’s First Patient Regains Sight Following Artificial Cornea Implantation at Rabin Medical Center, Ending a Decade of Blindness

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *